MATRICE DI MATERIALITÀ
DEL FASI

L’identificazione dei temi materiali da rendicontare e approfondire all’interno del Bilancio Sociale è avvenuta seguendo il principio di materialità e in considerazione dei principi che definiscono il contenuto e la qualità della rendicontazione di sostenibilità (inclusività degli stakeholder, completezza delle informazioni, contesto di sostenibilità, equilibrio, comparabilità, chiarezza, tempestività, affidabilità e accuratezza).
La matrice di materialità si basa sull’aggiornamento condotto in occasione della redazione del Bilancio Sociale 2017, la quale combina le priorità attribuite dagli stakeholder esterni con le priorità interne del Fasi e consente di identificare sinteticamente i temi prioritari che sono approfonditi nel documento.

Vuoi leggere la versione integrale del nostro Bilancio sociale 2018?

IL SISTEMA FASI

Il Fasi si è mostrato negli anni attento ai cambiamenti nell’ambito del welfare aziendale ed ha deciso di creare un vero e proprio Sistema Fasi.
Tale sistema è stato istituito per garantire una maggiore e più ampia tutela ai lavoratori ed è costituito di tre unità, tutte dotate di autonomia contabile.

IL FASI E LA SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE

Uno dei principi ispiratori del Fondo è il rispetto della solidarietà intergenerazionale tra dirigenti attivi, statisticamente meno bisognosi di cure, e dirigenti in pensione, generalmente più bisognosi. A sostegno di questa categoria più debole, il Fasi ha istituito il c.d. contributo di solidarietà, in base al quale le aziende aderenti al Fondo versano risorse monetarie finalizzate al sostegno delle spese dei loro stessi ex dirigenti ormai in pensione, cui si aggiunge una quota parte delle risorse versate dai soggetti attivi (dirigenti in servizio), al fine di garantire la sostenibilità dell’Ente.

Contributi e Spesa Pensionati 2018 (€)
  • Contributo annuale pensionato: 1.152
  • Spesa media per pensionato: 3.150
Spesa per Prestazioni 2018 (mln €)
  • Servizio
  • Pensionati
Dirigenti Iscritti 2018 (mln €)
  • Pensionati
  • Servizio
  • null

    58% dell’organico composto da donne

  • null

    17%: aumento degli iscritti con fascia d’età inferiore ai 30 anni

  • null

    23%: aumento complessivo dei pacchetti prevenzione dal 2016-2018

  • null

    603.593 visitatori sul sito internet

  • null

    20% dei dirigenti iscritti sono donne

  • null

    2.854: strutture sanitarie convenzionate

IL DIALOGO CON GLI STAKEHOLDER

null
<span style='color: #000000;'><strong>FEDERMANAGER</strong></span></p> <p class='p1' style='text-align: justify;'><span style='color: #000000;'>Nata nel 1945, è un’associazione di rappresentanza dei manager delle aziende produttrici di beni e servizi che conta circa 180mila dirigenti, quadri apicali, alte professionalità, in servizio e seniores. Per loro si occupa di curare gli aspetti contrattuali, istituzionali, sociali, professionali e culturali, potendo vantare anche una rete di 57 sedi radicate su tutto il territorio nazionale.</span></p> <p class='p1'><span style='color: #000000;'>La sua mission è quella di affermare il ruolo che hanno i manager nel processo di modernizzazione, di ripresa economica e occupazionale e di integrazione dell’Italia nel contesto globale. Inoltre, attraverso gli Enti bilaterali, contribuisce al miglioramento continuo dell’efficienza ed efficacia dei servizi resi ai propri associati.</span></p> <p> </p> <p><span style='color: #000000;'><strong>CONFINDUSTRIA</strong></span></p> <p class='p1'><span style='color: #000000;'>Associazione di rappresentanza delle imprese manifatturiere e di servizi in Italia cui aderiscono volontariamente oltre 150.576 tra piccole, medie e grandi imprese, per un totale di 5.438.513 addetti.</span></p> <p class='p1'><span style='color: #000000;'>Da oltre 100 anni l’associazione accompagna i cambiamenti del sistema industriale: dalla produzione a vapore a quella dell’elettricità, dall’automazione industriale all’avvento dei computer, alla digitalizzazione, alla fabbrica intelligente, promuovendo le imprese come motori della crescita economica, sociale e civile del Paese.</span></p> <p class='p1'><span style='color: #000000;'>La forza di Confindustria è una rete costituita oltre che dalla sede centrale di Roma, anche dalla Delegazione di Bruxelles, di riferimento per l’Intero Sistema Italia presso l’UE, dalle 215 Organizzazioni associate che si diramano in tutto il territorio italiano e nei vari settori e da ulteriori Associazioni di Rappresentanza delle imprese italiane all’estero. In virtù del vasto bacino di adesioni, Confindustria si pone l’ulteriore obiettivo di rappresentare le imprese e i loro valori presso le Istituzioni in modo da contribuire al benessere e allo sviluppo della società.</span></p> <p>

IL DIALOGO CON GLI STAKEHOLDER

FEDERMANAGER

Nata nel 1945, è un’associazione di rappresentanza dei manager delle aziende produttrici di beni e servizi che conta circa 180mila dirigenti, quadri apicali, alte professionalità, in servizio e seniores. Per loro si occupa di curare gli aspetti contrattuali, istituzionali, sociali, professionali e culturali, potendo vantare anche una rete di 57 sedi radicate su tutto il territorio nazionale.

La sua mission è quella di affermare il ruolo che hanno i manager nel processo di modernizzazione, di ripresa economica e occupazionale e di integrazione dell’Italia nel contesto globale. Inoltre, attraverso gli Enti bilaterali, contribuisce al miglioramento continuo dell’efficienza ed efficacia dei servizi resi ai propri associati.

 

CONFINDUSTRIA

Associazione di rappresentanza delle imprese manifatturiere e di servizi in Italia cui aderiscono volontariamente oltre 150.576 tra piccole, medie e grandi imprese, per un totale di 5.438.513 addetti.

Da oltre 100 anni l’associazione accompagna i cambiamenti del sistema industriale: dalla produzione a vapore a quella dell’elettricità, dall’automazione industriale all’avvento dei computer, alla digitalizzazione, alla fabbrica intelligente, promuovendo le imprese come motori della crescita economica, sociale e civile del Paese.

La forza di Confindustria è una rete costituita oltre che dalla sede centrale di Roma, anche dalla Delegazione di Bruxelles, di riferimento per l’Intero Sistema Italia presso l’UE, dalle 215 Organizzazioni associate che si diramano in tutto il territorio italiano e nei vari settori e da ulteriori Associazioni di Rappresentanza delle imprese italiane all’estero. In virtù del vasto bacino di adesioni, Confindustria si pone l’ulteriore obiettivo di rappresentare le imprese e i loro valori presso le Istituzioni in modo da contribuire al benessere e allo sviluppo della società.

Il Fasi crede fermamente nella collaborazione sinergica con le Istituzioni.

La sua esperienza come uno dei Fondi sanitari integrativi più radicati e significativi operanti nel Paese, è messa a disposizione delle Istituzioni grazie alla partecipazione a tavoli di lavoro, eventi e congressi.

Da novembre 2018 il Fasi partecipa, insieme ad altri Fondi, ad un tavolo di lavoro che si occupa di temi quali le convenzioni pubblico/privato, la prevenzione e Long Term Care, i cui lavori proseguiranno anche nel 2019.

Il Fasi promuove l’ecosostenibilità intraprendendo iniziative volte a contenere l’impatto ambientale delle proprie attività.

All’interno dell’edificio dove ha sede, sono presenti diversi contenitori per lo smaltimento dei rifiuti di carta, plastica e toner.

Infatti, i consumi registrati riguardano principalmente l’utilizzo di materiale da ufficio (carta e toner) e il consumo delle utenze funzionali alla gestione dell’edificio in cui il Fondo ha sede.

NON AUTOSUFFICIENZA

Trend richieste di assistenza medico infermieristica/sanitaria (n°)

Nel corso del 2018 gli assistiti che hanno richiesto l’assistenza medico infermieristica / sanitaria sono aumentati del16,71%; il dato risulta in forte crescita anche rispetto al biennio precedente (2016-2017) dove era cresciuto del 6,62%.In particolare, nell’intero anno 2018, gli assistiti che hanno richiesto l’assistenza medica infermieristica/sanitaria sono risultati n. 2.780.

L'IMPEGNO PER LA PREVENZIONE

Pacchetti di prevenzione sanitaria rimborsati per tipologia più richiesta

L’impegno preso già da molti anni nel campo della prevenzione, continua anche nell’anno 2018. Dal 2011 il Fasi ha abbracciato il progetto della prevenzione sanitaria promuovendo la diffusione di buone pratiche e investendo risorse che, nel lungo periodo, si sono tradotte e si tradurranno sempre più in un risparmio di spesa.

GLI IMPATTI POSITIVI CHE IL FASI GENERA NEL SISTEMA PAESE: DIRETTI, INDIRETTI E INDOTTI

null

IMPATTI DIRETTI

€331.979.371

null

IMPATTI INDIRETTI

€240.121.496

null

IMPATTI INDOTTI

€1.073.273

Complessivamente il Fasi ha generato nel sistema economico nazionale,
un impatto sul territorio, sui fornitori e sulle persone pari a

€573.174.140

GLI IMPATTI DIRETTI, INDIRETTI E INDOTTI A LIVELLO REGIONALE